Fidarsi l'un degli altri con la neuroscienza

Fidarsi l’un degli altri? Tutto merito della neuroscienza

La neuroscienza è uno studio effettuato da Paul J. Zak, ovvero il direttore e colui che ha fondato il Center for Neuroeconomics Studies. Secondo questo scienziato, grazie a questa materia i leader possono far maturare una certa fiducia sul lavoro e sulla gestione aziendale.

Naturalmente la prima domanda che ti viene in mente sarà: “ma cos’è la neuroscienza? E come è stata scoperta?“, Zak fin da subito si è chiesto il motivo per il quale due persone, si potessero fidare l’una dell’altra, così si è dato una risposta.

L’esperimento sulla neuroscienza fiduciaria

Per rispondersi Zak ha deciso di organizzare una strategia che potesse dimostrare quando una o più persone cominciano a fidarsi l’un con l’altro. Per prima cosa con l’aiuto del team ha chiamato due persone, una con l’obiettivo di mandar soldi ad uno sconosciuto (tramite PC), e l’altro lo sconosciuto stesso.

Prima di portar avanti l’esperimento, per misurare l’ossitocina è stato anche eseguito un prelievo di sangue prima e dopo.

Il risultato è stato sorprendente, la persona che mandò i soldi (consapevole che la cifra aumentasse durante il passaggio) ha mostrato maggior fiducia rispetto a chi li ha ricevuti, ed allo stesso tempo il destinatario poteva condividere o meno il denaro.

Durante il test l’ossitocina sia del mittente che del destinatario, aumentava in modo sbalorditivo. Più soldi riceveva il destinatario, più il livello di ossitocina aumentava.

Durante il test (in maniera controllata), i partecipanti ricevettero una dose reale di ossitocina, agli altri invece è stata somministrata una dose artificiale. Il risultato fu che i primi (chi inviava il denaro) dimostrarono più fiducia mandando anche il doppio dei soldi rispetto agli altri.

Da cosa dipendente l’aumento o diminuzione dell’ossitocina?

Dal momento in cui è affermato che l’ossitocina è l’elemento chimico essenziale, affinché noi possiamo fidarci o meno degli altri, Zak si è chiesto cosa comportasse tutto questo nel nostro corpo.

L’ossitocina aumenterebbe l’empatia e di conseguenza il nostro rapporto di fiducia con gli altri crescerebbe a dismisura. Ma quando capita, perché non si riceve abbastanza ossitocina? I fattori possono esser diversi: l’elevato stress, il nervosismo e il malessere con noi stessi.

Non contento lo scienziato ha eseguito un test (oltre agli esperimenti durati ben 10 anni) sui lavoratori negli Stati Uniti d’America.

Il test è stato fatto su 1095 dipendenti statunitensi, naturalmente a sorpresa (non si è mai parlato di fiducia) per non influenzare le scelte. L’esperimento è stato fatto su coloro che avevano già una solida ed elevata fiducia aziendale, e chi meno.

Addirittura coloro che avevano un’elevatissima fiducia aziendale hanno dimostrato un 106% in più d’energia e un impegno sul lavoro del 75% maggiore rispetto a chi aveva una bassa fiducia aziendale.

La fiducia va acquisita col tempo

Naturalmente tendiamo a fidarci di una persona solo dopo che è passato un po’ di tempo. Ma per far si che essa raggiunga il tetto massimo, bisogna affidarsi gli uni con gli altri compiti e responsabilità di un certo livello.

E durante tale passaggio è importante che le responsabilità vadano concesse con una certa leggerezza, senza far pesare tale scelta.